Inquinamento

Anche i Caraibi coperti dai rifiuti. L'isola di Roatán trasformata in una discarica

La denuncia di una fotografa del National Geographic che lancia un appello contro la plastica nel mare: this has to stop

Rifiuti  Roatán

Scritto per LiguriaNautica - Al largo delle coste dell'Honduras, nel cuore del mar dei Caraibi, circondata da un coloratissima barriera corallina, si trova l'isola di Roatán. E' la più grande dell'arcipelago delle Islas de la Bahía ed è famosa tra gli storici della filibusta perché il famigerato pirata Henry Morgan l'aveva scelta come suo covo segreto. Chi lo sa? Secondo alcune leggende il corsaro del Galles avrebbe nascosto sotto le candide sabbie di Roatán parte del suo leggendario tesoro depredato ai galeoni di Sua Maestà Cattolica di Spagna. Tesoro che, ammesso che esista, adesso è coperto da vari strati di plastica e immondizia. Già, perché questa perla dei Caraibi, da incontaminato paradiso tropicale, si è trasformata in una discarica a cielo aperto. Scordatevi le azzurre acque cristalline ed i candidi banchi di sabbia che riverberano al sole. Se avete (s)fortuna di sbarcare a Roatán, non vedrete altro che un orizzonte coperto da rifiuti di plastica e la prua della vostra imbarcazione sembrerà il rostro di una rompighiaccio che si apre a fatica la strada in un pack di bottiglie, piatti, scatolette e schifezze varie. Continua