Voci dal Sud è la mia rubrica sul sito Melting Pot. Questi gli ultimi editoriali che ho pubblicato

La deportazione degli “enfants de la Creuse”

La storia dei bambini dell'isola della Riunione: strappati dalle loro famiglie e trasferiti in FranciaRum, canna da zucchero e vaniglia. L’economia dell’Île de la Réunion, l’isola della Riunione, è tutta qua e niente di più. Tentativi di promuovere il turismo vengono periodicamente rilanciati dalle autorità francesi che governano l’isola ma senza ottenere risultati significativi. Non tanto
Continua la lettura

Le frontiere della memoria. Dai Pirenei alla Valsusa sulle rotte dei migranti di ieri e di oggi

Un viaggio lungo le rotte dei migranti. Un viaggio attraverso l’Europa di quelle frontiere che non dovrebbero esserci più ma che invece ci sono ancora, e che ancora continuano ad uccidere chi non ha il documento giusto in tasca. Ma un viaggio soprattutto nella memoria, questa carovana lanciata da Abriendo Fronteras, per ricollegare gli orrori del passato a quelli di oggi. Quegli orrori che
Continua la lettura

Le orme verdi di Irún

 «Le prime orme le abbiamo tracciate di notte. Siamo andate avanti a lavorare sino all’alba. Ogni tre passi, un’orma, stando attenti a marcare bene le deviazioni. Abbiamo scelto un colore verde fosforescente così che si veda bene anche al buio». Così racconta Maite Santamaria, attivista di Irungo Harrera Sarea, traducibile dalla lingua basca come “rete di accoglienza di Irún”.🚍Comienza
Continua la lettura

L’emergenza creata a Lampedusa aiuta a legittimare rimpatri e accordi dalla dubbia legittimità

Cumuli di immondizie alti come un uomo, bagni fatiscenti, stanzoni sovraffollati, pavimenti e mura di cemento, finestre sgarrate. Uomini malnutriti e stanchi, donne, bambini, che cercano riparo dal caldo assassino di questa estate, abbandonandosi su materassi sfondati, buttati nei cortili, sotto le fragili ombre di quei pochi alberi chi si alzano appena fuori del perimetro militarizzato del centro. Sono
Continua la lettura

Dai Pirenei alle Alpi, dalle rotte dei migranti al filo della memoria

Una carovana per riprendere il filo di una memoria perduta, intrecciare reti ed immaginare un diverso futuro di accoglienza. Una carovana che percorrerà le Alpi e i Pirenei, seguendo le rotte dei migranti, attraversando quelle frontiere che l’Europa ha prima abbattuto e poi ancora eretto. Frontiere che continuano a mietere vittime ed a causare sofferenze.“Cadono le frontiere di terra e di mare”,
Continua la lettura

Bloccato il primo volo dei richiedenti asilo per il Ruanda

 Mobilitazione e Corte europea rovinano i piani del governo britannico«Una giornata che sarà ricordata sui libri di storia». Così James Wilson, portavoce di Detention Action, una importante associazione per i diritti umani britannica, ha definito in una intervista al Guardian questo martedì 14 giugno. «Finalmente la Corte europea dei diritti dell’uomo, che, ricordiamocelo,
Continua la lettura

Nazia Perveen Bhatti in fuga dal patriarcato, vittima a Ferrara delle discriminazioni istituzionali

Fuori dalle graduatorie per una casa popolare perché il Comune privilegia gli anni di residenzialità al bisogno, e senza reddito di cittadinanza da tre mesi per una quando meno assurda motivazione dell’Inps. E’ ancora in alto mare l’odissea di Nazia Perveen Bhatti, la donna pakistana 42enne, e dei suoi due bambini italiani di nove anni e dieci anni, la cui vicenda abbiamo raccontato su
Continua la lettura

Lo “straniero” non fa più notizia per il Rapporto Carta di Roma 2021

La prima notizia è che l’immigrazione non fa più notizia. Da gennaio ad oggi, sono solo 660 gli articoli su questo tema che si sono meritati almeno uno “strillo” in prima pagina nei quotidiani italiani. Un buon 21% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il 2020, che già registrava un forte calo rispetto agli anni precedenti. L’immigrazione in altre
Continua la lettura

Camminando nell’occhio del ciclone

Sono loro le prime vittime dei cambiamenti climatici: le bambine e i bambini che questa crisi non l’hanno causata ma ereditata dalle generazioni precedenti. Ed a pagarne il prezzo più duro sono e saranno proprio i minori più vulnerabili, i figli di coloro che meno sono responsabili di questa crisi e che hanno meno risorse da investire per farci fronte: i bambini delle famiglie povere, nati in aree
Continua la lettura

Perché non è vero che “tutti vogliono venire in Europa” ed è scorretto parlare di “invasione” di migranti?

Una Comunità sotto assedio. Una Europa, culla della democrazia e dello sviluppo, circondata da fameliche ed incivili orde di migranti che premono insistentemente ai suoi confini. Intere popolazioni provenienti da continenti devastati da guerra e fame che si accalcano ai nostri confini. Eserciti di disperati - se non di terroristi - pronti ad invaderci e a sostituirci “etnicamente”, imponendoci
Continua la lettura
Vedi gli articoli precedenti
Stacks Image 9