L'ultimo aggiornamento che ho scritto per la testata Dossier Libia di cui sono direttore responsabile. In questa pagina trovate tutti i miei articoli in merito agli abusi e alle violazioni che avvengono sull'altra sponda del Mediterraneo
Stacks Image 1445
  • “Sono solo bambini”. Un report di Human Rights denuncia le torture che la polizia egiziana infligge ai minori
    L’esercito e la polizia egiziana arrestano arbitrariamente, uccidono e torturano anche i bambini. Lo afferma una particolareggiata inchiesta pubblicate dall’ong Human Rights Watch e dall’associazione per i diritti umani Belady. Il report, dal significativo titolo di “A nessuno importava che fosse un bambino”, documenta terrificanti abusi compiuti contro una ventina di ragazzi di età compresa tra i 12 e i 17 anni arrestati dalle forze dell’ordine egiziane.
    L’esercito e la polizia egiziana arrestano arbitrariamente, uccidono e torturano anche i bambini. Lo afferma una particolareggiata inchiesta pubblicate dall’ong Human Rights Watch e dall’associazione per i diritti umani Belady.

    Il report, dal significativo titolo di “A nessuno importava che fosse un bambino”, documenta terrificanti abusi compiuti contro una ventina di ragazzi di età compresa tra i 12 e i 17 anni arrestati dalle forze dell’ordine egiziane.

    Di fronte a tali crimini contro dei minori, Human Rights Watch chiede a tutti gli Stati “alleati degli egiziani, in particolare gli Stati Uniti, ma anche la Francia e gli altri Paesi dell’Unione Europea, di interrompere il sostegno alle forze di sicurezza egiziane fino a quando l’Egitto non prenderà tutte le misure necessarie per porre fine a questi abusi e punire i responsabili”.

    Aya Hijazi, responsabile dell’associazione Belady, ha sottolineato come “quando si tratta di minori o di bambini, le autorità egiziane agiscono come se non dovessero rendere conto a nessuno delle loro azioni. Si sentono superiori alla legge ed agiscono in totale impunità”. Parole che fanno pensare quanto accaduto, sia nell’esecuzione dell’omicidio sia nei successivi depistaggi, nel caso del nostro Giulio Regeni. Adesso, grazie al dossier di Human Rights Watch, sappiamo che questo accade anche quando le vittime sono bambini.

    Le testimonianza che si possono leggere nel dossier, liberamente scaricabile da questa pagina del sito di Human Rights, sono degne di un film dell’orrore. Sette bambini hanno riferito che gli agenti di sicurezza li hanno torturati con l’elettricità e facendo anche uso di pistole stordenti.

    Altri sette minori hanno spiegato che i poliziotti li hanno sospesi con una corda al soffitto dalle braccia che gli avevano legato dietro la schiena e li hanno strattonati sino a slogare loro le spalle.

    “Altri bambini sono stati torturati col waterboarding (una forma di tortura che consiste nel tenere fermo il bambino a testa in giù e versargli acqua nella bocca e nel naso sino a simulare l’annegamento. Ndr) e con scariche di elettricità nei genitali e nella lingua – ha denunciato Bill Van Esveld, direttore di Human Rights Watch -. Tutto questo viene compiuto nella più totale impunità”.

    Alcuni bambini sono stati tenuti arbitrariamente in detenzione per 13 mesi, senza che venisse dato alla famiglia la benché minima informazioni sulla sorte dei loro figli. In tre casi, tra quelli documentati nel rapporto, i minori sono stati trattenuti in isolamento, negandogli anche le visite dei genitori, per più di un anno. Altri bambini, sono stati rinchiusi con adulti in celle così sovraffollate che erano costretti a dormire a turni, senza cibo e cure mediche.

    “Avevo 17 anni quando gli agenti della sicurezza nazionale mi hanno arrestato – racconta Belal B. – Gli agenti mi hanno tenuto per tre giorni legato stretto ad una sedia, in isolamento. Non mi hanno detto nulla e i miei genitori non sapevano che fossi stato fermato”. Ricordiamoci che l’Egitto, in violazione al diritto internazionale, ha già condannato a morte un minore.

    “La legge egiziana impone alla polizia di segnalare a un pubblico ministero i soggetti fermati entro 4 ore dall’ arresto – si legge nel rapporto – ma è una pratica comune che le date siano falsificate dagli stessi magistrati, in modo da coprire detenzioni molto più lunghe. In nessuno dei casi che abbiamo esaminato le autorità hanno presentato un mandato di arresto o arrestano i minori in modo lecito”.

    Ci sono casi di ragazzini trattenuto senza processo per più di 30 mesi, quando il limite per la legge egiziana è di due anni.

    “Un minore è stato accusato di aver partecipato ad una protesta avvenuta mentre era in detenzione e si sono rifiutati di lasciargli sostenere gli esami di scuola, minando le sue possibilità di proseguire gli studi”. Il sistema giudiziario penale egiziano non si è mai preoccupato di indagare seriamente sulle accuse di tortura e maltrattamenti da parte dei bambini. “In un caso che abbiamo esaminato – si legge – il pubblico ministero ha persino minacciato il minore di riconsegnarlo all‘agente che lo aveva torturato se avesse rifiutato di sottoscrivere la confessione che gli volevano imporre”.

    E non solo giudici civili! In due casi tra quelli esaminati nel rapporto, i bambini sono stati processati e condannati addirittura da un tribunale militare!

    “Il sistema giudiziario egiziano invece di proteggere i bambini dai maltrattamenti, copre i torturatori – ha affermato Hijazi -. I Governi dei Paesi che sostengono di avere a cuore i diritti umani, dovrebbero porre fine ad ogni sostegno ai servizi di sicurezza egiziani, altrimenti non sono altro che complici di questi orrori”.

Vedi gli altri articoli sulla Libia


Niger, frontiera di sabbia e di sangue

Gli raccontano che verranno a prenderli, ma non è vero. Li abbandonano in mezzo al deserto. Uomini, ragazze, donne anche con bambini molto piccoli… senza acqua, senza cibo. La sabbia del Ténéré è un giardino di cadaveri in decomposizione”. Abdel (il nome è stato cambiato per motivi di sicurezza, ndr) era un passeur. Era un passeur perché tutti i tuareg lo sono e lo sono sempre stati. Accompagnava i lavoratori dei Paesi che si affacciano sul Golfo di Guinea sulle piste del deserto che solo un tuareg sa vedere, sino ai campi di lavoro di Libia o di Algeria dove si estrae il petrolio o si raccolgono i datteri. I migranti rimanevano in questi Paesi per due, tre o anche quattro anni. Qualcuno si faceva solo la “stagione” e poi ritornava a casa a studiare, proprio come da noi nei meleti del Trentino o dell’Alto Adige. “Libia e Algeria erano i granai del Niger e dei Paesi confinanti – spiega Abdel -. Poi è arrivata l’Europa ed è ha portato qui la sua frontiera di sangue”.
La città di Agadez è un grande caravanserraglio del colore della sabbia del deserto. Le sue strade ruotano attorno al grande minareto di arenaria ed al palazzo del sultano, incaricato del suo mantenimento. Ogni casa è un piccolo forte ma con la porta sempre aperta ai visitatori. Non esistono chiavi nella città dei tuareg del Ténéré. Non esistono neppure campanelli. Chi entra, viene accolto e non può sottrarsi al tradizionale tè verde, dolce, bollente e coperto di schiuma. Perché “un tè senza schiuma è come un tuareg senza turbante”. Per salire sopra il minareto, bisogna inginocchiarsi ed infilarsi in uno stretto cunicolo infestato da una folta colonna di pipistrelli. Quando finalmente rivedi la luce, è meglio se ti reggi forte per non cadere di sotto, che c’è spazio per una persona alla volta e ti pare di essere un lillipuziano sopra la torre più alta di una castello di sabbia. Se getti lo sguardo verso sud, puoi ancora scorgere qualche macchia di verde stanco. A nord, sotto il grande massiccio dell’Aïr, Ayăr per i tuareg, c’è solo il deserto del Ténéré, l’ultima propaggine meridionale dell’immenso Sahara. Ma quello che il tuo sguardo non riuscirà mai a scorgere è la frontiera.

“Nel 2015 il Governo di Niamey ha approvato una legge che gli era stata richiesta espressamente dall’Unione europea con la quale tutti i non nigerini che si trovano nella mia città e a nord di essa sono dichiarati migranti irregolari – mi racconta Rhissa Feltou, sindaco di Agadez -. L’obiettivo dichiarato della legge era quello di contrastare l’immigrazione diretta verso l’Europa ma i risultati sono stati controproducenti. Il Niger fa parte della Comunità economica dell’Africa occidentale che ha una moneta unica e consente la libera circolazione dei suoi cittadini, proprio come per la vostra Unione europea. Ma con questa legge, tutti i burkinabé, gli ivoriani, i nigeriani e gli altri cittadini comunitari che si trovavano nella mia città sono diventati improvvisamente ‘clandestini’.

Molti di loro venivano ad Agadez per lavorare ed ora non lo possono più fare. La frontiera imposta dall’Europa ha portato in Niger la crisi economica e si è rivelata una vera e propria fabbrica di migranti irregolari. Anche il turismo che per noi era una fonte importante di reddito è tramontato. La nostra città era la porta del deserto ed ora questa porta è stata chiusa. Il traffico di esseri umani, però, continua come prima e più di prima, solo che è gestito interamente dalla criminalità organizzata”. Il sindaco Rhissa Feltou è noto per aver preso a ceffoni il ministro dell’Interno, l’ultima volta che questi si era azzardato a salire ad Agadez per spiegare ai tuareg i vantaggi della sopraccitata legge. Ceffoni veri, intendiamo, non morali, di quelli dati sul viso a mani aperte. I tuareg non sono famosi nel mondo per la loro diplomazia.

Ibrahim Manzo Diallo è il direttore di Radio Sahara e scrive nell’unico quotidiano del Niger. È un giornalista piuttosto noto nel suo Paese. Il che non gli impedisce di trascorrere qualche mese in galera, ogni qualvolta si azzarda a scrivere “la verità sostanziale dei fatti”. Che poi è quella cosa alla quale dovremmo attenerci tutti noi che facciamo questo mestiere. Solo che in qualche Paese è più rischioso che in altri. Mi riceve nel giardino sotto la sede della sua radio perché nella redazione – un computer da dividere tra due colleghi che ha ancora uno schermo con i led verdi – fa troppo caldo. Mi mette in mano l’inevitabile tè caldo e mi racconta come le piste che salgono a nord siano un cimitero di cadaveri insepolti e mi spiega il perché, appena arrivato ad Agadez, il commissariato di Polizia mi abbia interrogato per tre ore e alla fine mi abbia rilasciato con l’ordine di mettere il naso fuori di casa solo sotto scorta militare. Una questione di “sicurezza”, mi hanno detto. Termine questo, per il quale ho sviluppato un’autentica allergia etica che mi costringe a virgolettarlo sempre.

“L’unica cosa sicura è che non vogliono che un giornalista europeo veda i cadaveri dei migranti abbandonati nel deserto. Pezzi di uomini, di donne e di bambini che spuntano dalla sabbia tra una duna e l’altra. La legge che ha istituito questa assurda frontiera all’interno di un unico Paese non ha certo fermato i profughi che arrivano ad Agadez in fuga da tutti i confini del Niger. Al sud del Paese ci sono gli islamisti criminali di Boko Haram, la zona dei laghi del Ciad è un inferno… ora scappano anche dal Burkina Faso dove ci sono stati più di 200 tra attentati e attacchi ai villaggi negli ultimi 12 mesi. Gruppi paramilitari finanziati dall’Occidente o dall’Arabia Saudita si scannano dappertutto per il possesso di regioni ricche di petrolio, oro e uranio. Il Niger è diventato un imbuto ed Agadez è la bocca di questo imbuto. L’UNHCR gestisce tre campi profughi fuori città, in mezzo al nulla del deserto, ma la gente non ce la fa più a stare là e vuole andarsene. Si rivolgono ai trafficanti ma il loro destino è quello di morire di sete e di caldo nel deserto dove vengono abbandonati vivi. Voi in Europa, parlate tanto del Mediterraneo e dei migranti che muoiono annegati in mare. E, giustamente, vi indignate. Ma è qui, su questa frontiera di sabbia, che la vostra frontiera di morte sta compiendo una inenarrabile strage”.
Torna indietro