Da Mestre ad Orte. Tre giorni in bici con Opzione Zero per dire No all'autostrada

mes
Da Mestre ad Orte, per dire No al cemento.
In bicicletta con Opzione Zero
giovedì 5 dicembre
Domani si parte. Di buon’ora e in bicicletta. Leggeri d’animo e di bagaglio. Proprio come si conviene a dei veri viaggiatori.
Si parte per ricordare a tutti che non è la strada che fa il viaggio ma chi la percorre e come la percorre. E la strada che abbiamo scelto di percorrere è una strada che, nelle intenzioni del Governo, domani non ci sarà più. Una strada in “pericolo di estinzione” come tante specie animali gli ambientalisti stanno difendendo a denti stretti. I paesaggi, i sentieri, i corsi d’acqua, i paesi che incontreremo infatti sono minacciati dal cemento e da una politica di “sviluppo” che devasta e macina i beni di tutti in nome del profitto di pochi. Tutto questo è la nuova autostrada Mestre Orte. Una brutta storia cominciata 12 anni fa, pensata apposta per essere inserita nell’elenco dei famigerati “interventi strategici” previsti dalla legge Obiettivo appena varata dal governo Berlusconi, e quindi affidata ai soliti noti “amici degli amici” per la spartizione.



All’inizio, la Grande Opera contro la quale si era immediatamente schierato l’intero arcipelago ambientalista italiano, si era arenata per totale mancanza di copertura economica (una decina i miliardi previsti). Neanche il tempo di tirare un sospiro di sollievo che il Governo Letta - il Governo del “fare” - ci risolve la questione e il Cipe approva l’opera. I finanziamenti che non ci sono per le scuole, per la sanità, per la ricerca o per la cultura, vengono qui recuperati a vantaggio del costruttore/politico Vito Bonsignore con la formula del Project Financing e dell’abbuono sulle tasse valido per una ventina di anni. Questo infatti è il periodo ritenuto sufficiente e necessario per completare la Grande e devastante Opera. E nel frattempo? La vagonata di miliardi sarà volentieri anticipata dalle banche. Tanto, a coprire gli interessi, ci penseranno le casse statali. Inutile che stia qui a spiegarvi dalle tasche di chi preleveranno i soldi le casse statali.
Una spesa, tra interessi e interessi sugli interessi, praticamente infinita in cambio di una strada inutile se non a cementificare da nord a sud mezzo Paese.
“L’autostrada Mestre Orte sarà lunga 396 chilometri, attraverserà cinque Regioni distruggendo territori, campagne e ambienti di pregio come la Riviera del Brenta, il Delta del Po, le Valli di Comacchio, intere vallate dell’Appennino; incalcolabili i danni in termini di consumo di suolo, aumento di frane e alluvioni, inquinamento atmosferico“ spiega Mattia Donadel, presidente dello storico comitato della Riviera del Brenta Opzione Zero che sin dall’inizio si batte contro il progetto. “Consideriamo anche che, anche a voler prescindere dall’impatto ambientale, è contestabile anche l’utilità dell’opera, considerato che il progetto non prevede la messa in sicurezza della statale Romea e che i flussi di traffico sulla SS 309 e sulla E-45 non giustificano la realizzazione di una infrastruttura da oltre 10 miliardi di euro!”
Ed è per ricordare tutto questo che gli ambientalisti di Opzione Zero e degli altri comitati che hanno aderito all’iniziativa - molti dei quali ci attendono lungo il percorso - raggiungeranno Orte in bicicletta, toccando simbolicamente tutti i 48 Comuni che rischiano di essere sventrati dalla super strada.
Ecomagazine li accompagnerà lungo tutta la strada per documentare la loro avventura con reportage giornalieri.
Domani mattina quindi tutti i bicicletta, leggeri d’animo e di bagaglio. Si parte dal municipio di Mestre alle 7 di mattina perché a gente come noi il freddo non fa paura. E nemmeno i 396 chilometri da pedalare da un Appennino all’altro. Quello che davvero ci spaventa, questo sì, è quella grigia e triste colata di cemento che non finiremo più di pagare in denaro, salute e ambiente.


Da Mestre a Cesena in bici per la prima tappa della carovana di Opzione Zero.
Tra comitati in lotta e lagune che non meritano il cemento

venerdì 6 dicembre
Cesena - Alle 5 della mattina puoi vedere lastre di ghiaccio galleggiare nelle acque scure dei canali di Venezia. In laguna è ancora buio e tira un freddo polare. Mestre non è di meno. La partenza è per le sette della mattina dalla piazzola davanti al municipio ma è meglio arrivare una mezz’ora prima per la conferenza stampa e le foto di rito. Mentre la città si illumina sotto un pallido sole che non scalda per niente, i ciclisti arrivano alla spicciolata. Gigi di Legambiente è il primo ad arrivare sopra una assurda bici ultra pieghevole con due ruote che sembrano quelle di un triciclo. Ci seguirà soltanto per una decina di chilometri. Gli altri che arrivano dalla Riviera sono più attrezzati. Il gruppo più consistente è quello al seguito di Opzione Zero, lo storico comitato della Riviera del Brenta che ha lanciato questa pazza biciclettata da Mestre ad Orte (quasi 400 chilometri in tre giorni!) per denunciare lo scempio ambientale legato alla costruzione dell’autostrada, una ennesima Grande Opera inutile e devastante. C’è anche un camper a sostegno e penso a quanto sono fortunato a dovermici sedere dentro per tutta la strada con la scusa di dover fare da ufficio stampa. Si parte alle 7 in punto con la benedizione e il sostegno, tutto morale, di Beppe Caccia, consigliere comunale della lista In Comune e unico politico venuto sino a Mestre a quell’ora infame per impartirci la sua paterna benedizione. “La battaglia dei comitati contro la realizzazione di questa autostrada in project financing è anche una battaglia di Venezia perché l’opera porterebbe altro traffico e ancora più inquinamento su tutto il nodo di Mestre”.
I ciclisti in partenza dietro a Mattia Donadel, presidente di Opzione Zero oltre che provetto ciclista, sono una mezza dozzina. Ma per tutto il percorso se ne aggiungeranno altri. Una staffetta continua e spontanea. Si comincia già a Marghera, dove un attivista dei No Grandi Navi, si accoda al gruppo e ci segue per vari chilometri sventolando la bandiera del suo (nostro) comitato. “Questa biciclettata serve anche a questo - ha commentato Mattia (senza smettere di pedalare) -: farci capire che le tante lotte dei tanti comitati sono parte della stessa battaglia”. Concetto che ritorna su ogni paese che incontriamo. Oriago, Mira, San Bruson, Campagna Lupia, Codevigo... in ogni piazza troviamo decine di cittadini che ci attendono pronti a darci sostegno con focacce, panini e bevande calde. Ci consegnano anche bottiglie di vino fatto in casa, birre artigianali, ceste natalizie con panettoni, cioccolate e torroni. Non siamo ancora arrivati a Cavazere che il nostro camper condotto da Fabrizio è più pieno della slitta di Babbo Natale. Ma non è solo la cittadinanza attiva ad attenderci. A Mira, a Codevigo, a Comacchio, a Campagna Lupia anche sindaci e assessori ci accolgono per denunciare l’assurdità dell’opera, così come la scarsa considerazione in cui, nelle sedi decisionali, vengono tenuti i pareri delle amministrazioni locali.
Il camper viaggia lento dietro ai ciclisti seguendo il corso tortuoso di canali ghiacciati, superando lagune dove svernano tante specie di uccelli e attraversando grandi campi agricoli coperti di brina sulla quale i raggi solari accendono brevi arcobaleni. Terre di incomparabile bellezza che minacciano di essere devastata da una assurda colata di cemento. Comprensibile la preoccupazione dei tanti comitati ambientalisti che incontriamo a Comacchio per l’inquinamento e la deturpazione che l’autostrada Orte Mestre causerebbe in quelle valli tutelate purtroppo, spiegano, solo a parole.
Arriviamo in Romagna che sono le 4 del pomeriggio. Il sole invernale ha già dato quello che poteva dare e sulla nostra strada si allungano le ombre della notte. Siamo un po’ in ritardo sulla tabella di marcia ed occorre fare presto. Il gelo comincia a pestare sul serio. Qualche ciclista chiede asilo e sale sul camper. I chilometri oramai sono più di cento e le gambe non sono sempre sufficientemente allenate. Da Ravenna e poi da Cesena, gruppetti di ambientalisti ci vengono incontro sulla strada. Alcuni in auto, altri in bici. La carovana aumenta di numero. Onore al merito: Mattia e Marino saranno gli unici due a portare a termine, dalla partenza all’arrivo, questa prima tappa di oltre 210 chilometri. Roba da giro d’Italia. E con la media non sottovalutabile di 25 - 30 chilometri all’ora. L’ultimo traguardo della giornata è la piazza di Cesena. Mattia ha ancora fiato per rispondere alle domande di un paio di giornalisti locali. Ammirevole! Sono le nove della sera. I compagni romagnoli ci hanno preparato una cena annaffiata da Sangiovese (che altro, se no?) Ci spiegano che fanno parte del Comitato Difesa Sociale e che si occupano più che altro degli sfratti. “Qui a Cesena - mi racconta Alessandro - almeno 200 famiglie all’anno finiscono sulla strada e l’amministrazione non vuole investire sulle case popolari”. Scambiamo qualche idea e mi chiedono notizie sulla nascente esperienza veneta dell’Agenzia Sociale per la Casa. Ecco a cosa serve la biciclettata, mi viene da pensare. Forse le idee girano più velocemente dietro ad un bicchiere di Sangiovese che su Facebook e Twitter. Poi, finalmente, vanno tutti a nanna mentre io mi attardo ancora un po’ a scrivere sul camper. Mezzanotte è passata da un pezzo.

Da Mestre a Cesena in bici per la seconda tappa della carovana di Opzione Zero.
Pedalando in Umbria, tra strade franate, opere incomplete e devastazioni programmate

sabato 7 dicembre
Ponte San Giovanni, Perugia - Stavolta ci va di lusso. Sveglia “solo” alle sei di mattina. Si parte ancora col buio. I chilometri da macinare sono tanti anche quest’oggi per i nostri ciclo attivisti: non meno di 180. Sempre ammesso che imbrocchiamo tutte le strade perché noi siamo gente che viaggia ancora con la carta in mano chiedendo indicazioni alle persone che incrociamo. Fuori, la colonnina del termometro segna meno 3 gradi. E’ tutto gelato. I nostri ciclisti inforcano le selle e cominciano a pedalare di buona voglia anche per scaldarsi. Lasciamo Cesena e la Romagna per inerpicarci sull’Appennino. Nelle nostre tabelle di marcia, i paesi umbri sono costellati di punti interrogativi. Conosciamo le altezze ma non conosciamo quanti dislivelli sia necessario affrontare per raggiungerli.
Alle 10,30 siamo a Bagno di Romagna che ci accoglie con la neve ai bordi delle strade e il pungente odore sulfureo delle sue terme. Pausa pranzo a Pieve Santo Stefano, la “città del diario”, la cui biblioteca dal ’84 raccoglie i quaderni, le epistole e i memoriali di chiunque desideri affidarglieli. Qui veniamo raggiunti da una coppia di attivisti in auto che si riveleranno utilissimi per la logistica della spedizione, precedendo i nostri ciclisti nei centri abitati per volantinare, consegnare l’appello ai sindaci e incontrare le associazioni ambientaliste. Il camper intanto fa da “ammiraglia” al gruppo in bici, seguendolo passo per passo, pronto all’assistenza e all’incoraggiamento. Le salite a tratti sono dure ma riusciamo a toccare tutti i paesi previsti: San Sepolcro, Città di Castello, Umbertide. In tutte le piazze, veniamo accolti da gruppetti di ambientalisti con i quali scambiamo opinioni, indirizzi mail e volantini. Poco fuori Umbertide, in particolare, lungo la strada che porta a Gubbio, incontriamo un folto gruppo di attivisti di Genuino Clandestino con i quali ci intratteniamo per una bicchierata.
Una frana ci costringe a cambiare percorso. “Qui le strade sono in uno stato di manutenzione pessima - ci dirà la sera un attivista umbro di nome Moreno - eppure non spendono un soldo per la messa in sicurezza. Anche i collegamento con le Marche sono difficili perché le strade sono state tutte piantate a metà percorso. Non sarebbe più utile finire queste invece di progettare autostrade che non faranno altro che devastare la montagna e seminare altro traffico?”
Il manto delle strade che collegano i veri paesi sono in effetti pieni di buche e sventrati dalle frane. I ciclisti procedono a fatica e debbono rallentare. Verso le 5 di sera, assieme al buio scende anche una nebbia degna della val Padana. Adesso la partita si fa dura. Abbiamo accumulato un’ora circa di ritardo. Dalle parti di Casa del Diavolo - nome che è tutto un programma - smarriamo la strada. I ciclisti tengono botta ma si capisce che sono provati. Per fortuna ci viene incontro un’auto con dei compagni di Perugia. Ci hanno trovato un rifugio a Ponte San Giovanni e nel centro sociale locale ci aspetta una dozzina di rappresentanti dei vari comitati contro la Orte Mestre. C’è da notare che rispetto ai romagnoli i compagni umbri sono meno festaioli ma molto più organizzativi. Neanche il tempo di festeggiare l’arrivo della “tappa” o di togliersi le tute sudate che siamo già in assemblea. Una mezz’ora d’ora dopo, hanno già stabilito le date dell’incontro che radunerà tutti gli attivisti contro l’autostrada Orte Mestre della Regione per la costituzione di un unico comitato e la successiva conferenza stampa. “L’Umbria sarà la nuova Val di Susa” ci garantisce Moreno. Andiamo a cena con la soddisfazione di aver acceso una miccia.

Terza e ultima tappa della carovana di Opzione Zero.
Da Mestre ad Orte e non è finita. Tutti pronti per ripartire ancora

domenica 8 dicembre
Orte - Ultima tappa. Se tutto andrà bene, taglieremo l’ultimo traguardo nel primo pomeriggio. Da Perugia ad Orte ci saranno un centinaio di chilometri o poco più. Quasi tutti in salita, ma le gambe oramai sono allenate. Si parte ad un ora più tranquilla stavolta, verso le sette della mattina. Perugia e gli Appennini che la circondano sono avvolti da una fitta nebbia. Ed è un peccato perché il paesaggio sul quale viaggiamo deve essere stupendo. La nebbia non ci permette solo di scorgere oltre il primo filare di ulivi che accompagna la strada. Il raccolto di olive è già stato ultimato e sui rami sono rimaste solo le piccole foglie gelate dalla brina invernale. I ciclisti pedalano di buona lena immersi in un ambiente dove si fatica a ritrovare i consueti contorni della realtà.
Solo verso le 10 della mattina riusciamo a scorgere il blu del cielo. Siamo oramai ad Acquasparta, in perfetta tabella di marcia, e pedaliamo verso San Gemini dove sorge la nota fonte termale. L’appuntamento più importante della giornata ci attende a Terni dove arriviamo poco prima di mezzogiorno. Gli ambientalisti ci aspettano nella piazza principale della città dove hanno approntato un banchetto informativo sulla Mostre Orte e ci offrono torte, biscotti e pan pepato, un dolce tipico dell’Umbria.
Ad attenderci c’è anche l’assessore alla cultura, Simone Guerra, di Sel, che si complimenta per la nostra impresa e concorda sul devastante impatto nel territorio, e in particolare su quello dell’Appennino umbro, che la Orte Mestre porterebbe con sé. “Purtroppo non tutti la pensano come me - spiega -. Molte amministrazioni hanno già votato delibere che aprono la porta a questa ennesima Grande Opera. Noi faremo di tutto per contrastarla ma anche a Terni siamo in giunta con un Pd che non sente ragioni. Vi confesso che è un rapporto questo, che ci va sempre più stretto”.
Lasciamo l’assessore ai suoi problemi e risaliamo in bici e in camper per Orte. L’ultima tappa. I chilometri sulla carta sono pochi ma tutte le strade passano per la E45. Strada poco sicura per le bici. Cerchiamo una alternativa e ci perdiamo alla grande nello sterrato collinare, tra salite a muro e discese rompicollo, consolati solo dall’incomparabile bellezza del paesaggio. Pedala e pedala, arriviamo proprio sopra la città ma troviamo il tratto finale sbarrato da una azienda venatoria. “L’unica strada alternativa alla E45 passa per il paese di Amelia e comporta un giro dell’oca di decine di chilometri ed inoltre tocca zone che non sono interessate dalla Orte Mestre - spiega Mattia Donadel -. Le colline che saranno sventrate e cementificate sono proprio queste su cui siamo saliti”. E’ proprio questo il posto migliore per l’intervista conclusiva ai nostri ciclo attivisti, dietro boschi di ulivi centenari che non meritano di morire sotto una colata di cemento.
“E’ stata una bellissima avventura - conclude Mattia - Abbiamo trovato tanti amministratori e tantissimi comitati ambientalisti che sono contrari a questa inutile autostrada. Tutti si sono detti disposti a intraprendere una battaglia comune perché questo è il solo modo che abbiamo per vincere. Abbiamo trovato anche tante persone che non sapevano nulla di cosa si sta progettando sopra la loro terra e abbiamo dato loro un motivo per informarsi. Sono semi questi che, ne sono sicuro, daranno i loro frutti. Tutti ci hanno chiesto di ripetere la carovana in primavera, per offrire anche a persone non allenatissime la possibilità di partecipare. Ed è quello che faremo. Credeteci... siamo solo all’inizio!”
Leggi gli articoli precedenti